I misteriosi tondelli di Castel Manfrino

A metà strada tra Teramo e Ascoli, ad un’altitudine di 1000 metri slm, c’è un castello oggi conosciuto con il nome di Castel Manfrino, ma nel medievo era chiamato Castrum Macclae. Il sito è nominato nel Catalogus Baronum normanno e in un ricco carteggio angioino (1270-80).

Questo luogo ci pone un piccolo enigma numismatico, relativo alle attività svolte dal suddetto castello nel secolo XII.

Lo scavo archeologico è in corso da pochi anni ed è condotto dall’Università di Chieti. Dallo scavo si è capito che il sito ha avuto tre fasi di vita:
1 – fase longobarda: a quell’epoca il sito era una chiesa fortificata posta ai limiti meridionali del ducato di Spoleto; sono stati ritrovati i resti di un abside e di un battistero, ma anche di una torre difensiva e delle mura. All’interno della torre si trovava un laboratorio destinato alla produzione di ceramica;
2 – fase normanna: l’edificio fu arricchito di un’altra torre (su cui tornerò tra poco);
3 – fase angioina: il sito divenne una residenza signorile piuttosto lussuosa. Nel 1278 un feudatario si ribellò a Carlo d’Angiò, rivendicando il possesso del castello; accorsero le truppe angioine che, dopo più di un anno d’assedio, dovettero ritirarsi senza aver ripreso il controllo del sito. Durante gli scavi è stato ritrovata una moneta d’oro angioina (un tarì).

Torniamo alla torre normanna (XII secolo).
All’interno della torre sono stati trovati i resti di una fornace e dei tondelli non coniati; alcuni di essi erano già ritagliati, mentre altri erano solo stati punzonati sui fogli di bronzo in attesa di essere ritagliati. E c’è un altro particolare davvero interessante: insieme ai suddetti tondelli, ne sono stati trovati altri due che presentano delle flebili tracce di coniazione.

Da qui nascono quattro ipotesi:
1 – il castello produceva tondelli che poi rivendeva ad una o più zecche;
2 – il castello ospitava una zecca clandestina, dedita alla produzione di monete false (non trovate perchè venivano immesse in circolazione subito dopo la coniazione, per far sparire le prove). I tondelli coniati ritrovati sarebbero dei falsi mal riusciti e, per questo, scartati;
3 – il castello produceva gettoni e tessere;
4 – il castello era sede di zecca (stabile o itinerante).

Ma potrebbe anche darsi che il castello svolgesse anche più di una delle attività sopra elencate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.