I marenghi del Regno d’Italia (1861-1923)

20 commenti

Per conoscere il valore dei marenghi
italiani più comuni cliccate qui

Il marengo (detto anche “napoleone”) è una moneta d’oro del valore di 20 franchi, coniata nel 1801 dalla Repubblica Subalpina per celebrare la vittoria di Napoleone Bonaparte contro gli austriaci il 14 giugno 1800. Dopo la caduta di Napoleone si continuò ad attribuire il nome “marengo” alle monete auree da 20 franchi (o 20 lire) in oro 900 e pesanti 6,45 grammi. Queste monete furono coniate da Francia, Belgio, Svizzera, Spagna, Grecia, Venezuela e moltri altri paesi.
Anche il Regno d’Italia emise marenghi già nel 1861, appena dopo l’unità. Le emisisoni continuarono, seppur non continuativamente, fino al 1923. Di seguito trovate foto e dati di queste emissioni. Negli anni successivi la lira venne pesantemente svalutata e la moneta da 20 lire venne prodotta in argento.

Caratteristiche comuni a tutte le monete sotto elencate:

  • metallo: oro 900
  • peso: 6,451 grammi
  • diametro: 21 millimetri
  • assi alla francese (conio moneta)

Per ogni moneta, dopo la tiratura è indicato fra parentesi il grado di rarità:

  • C: comune
  • NC: non comune
  • R: rara
  • R2: molto rara
  • R3: rarisisma
  • R4: estremamente rara
  • R5: ne esistono pochi esemplari

Immagini tratte dal web – cliccateci per ingrandirle

VITTORIO EMANUELE II

marengo_VEII

Dritto: busto del re a sinistra e, intorno, la legenda VITTORIO EMANUELE II; in basso la data. Sotto il collo, la firma dell’incisore FERRARIS.
Rovescio: stemma sabaudo contornato dal collare dell’Annunziata tra rami di alloro. Intorno la legenda REGNO D’ITALIA. In basso valore (L. 20) e segno di zecca.

Questa tipologia di marengo fu incisa da Giuseppe Ferraris.
Lo spessore varia da 1,15 a 1,37 millimetri.

Segni di zecca
Torino: T e monogramma BN in corsivo – Solo per il 1861: T e B (che stanno per Tommaso Battilana, direttore della Regia Zecca di Torino) all’interno di uno scudetto in incuso.
Milano: M e monogramma BN in corsivo.
Roma: R

Tirature e rarità
1861 Torino: 3.267 (R)
1862 Torino: 1.954.878 (C)
1863 Torino: 2.980.700 (C)
1864 Torino: 608.630 (NC)
1865 Torino: 3.109.050 (C) – esiste anche in oro rosso (C)
1866 Torino: 196.301 (R)
1867 Torino: 275.509 (C)
1868 Torino: 340.397 (C)
1869 Torino: 185.355 (C)
1870 Torino: 54.770 (R2)
1870 Roma: tiratura sconosciuta (R3)
1871 Roma: 23.508 (R2)
1872 Milano: tiratura sconosciuta (R2)
1873 Roma: 2.174 (R4)
1873 Milano: 1.018.033 (C)
1874 Roma: 40.856 (R)
1874 Milano: 255.115 (C)
1875 Roma: 51.018 (R)
1876 Roma: 107.728 (C)
1877 Roma: 247.398 (C)
1878 Roma: 315.794 (C)

UMBERTO I

marengo_umberto

Dritto: busto del re a sinistra e, intorno, la legenda UMBERTO I RE D’ITALIA; in basso la data. Sotto il collo, la firma dell’incisore SPERANZA.
Rovescio: stemma sabaudo contornato dal collare dell’Annunziata tra un ramo di quercia (a destra) e un ramo di alloro (a sinistra) e il valore (L. 20). In basso, ad ore sette, il segno di zecca (R); in alto al centro la Stella d’Italia.

Questo marengo fu inciso da Filippo Speranza ed emesso in seguito al Regio Decreto 4514 del 30 settembre 1878.
Lo spessore varia da 1,24 a 1,35 millimetri. Le monete vennero coniate tutte a Roma.

Tirature e rarità
1879: 146.466 (C)
1880: 128.808 (C)
1881: 843.028 (C) – esiste anche in oro rosso (NC)
1882: 6.970.007 (C) – esiste anche in oro rosso (NC) – esistono molti falsi
1883: 182.280 (C) – esiste anche in oro rosso (R)
1884: 9.775 (R2)
1885: 164.724 (C) – esiste anche in oro rosso (R)
1886: 59.008 (C)
1888: 110.540 (C)
1889: tiratura sconosciuta (R) – esiste anche in oro rosso (R)
1890: 68.220 (C) – esiste anche in oro rosso (R)
1891: 64.452 (C) – esiste anche in oro rosso (R)
1893: 41.214 (C) – esiste anche in oro rosso (NC)
1897: 38.333 (R) – esiste anche in oro rosso (R)

VITTORIO EMANUELE III

Aquila sabauda

marengo_VEIII_aquila

Dritto: busto del re volto a sinistra e contornato dalla legenda VITTORIO EMANUELE III. Sotto il collo, la firma dell’incisore SPERANZA.
Rovescio: aquila araldica con stemma di casa Savoia. Lungo la parte superiore del bordo, legenda REGNO D’ITALIA; nella parte inferiore, separata da due nodi savoia, l’indicazione del valore (L. 20), il segno di zecca (R) tra due stelle a cinque punte e la data.

Questo marengo fu inciso da Filippo Speranza.
Le monete vennero coniate tutte a Roma.
Lo spessore varia da 1,24 a 1,35 millimetri.

Tirature e rarità
1902: 181 (R4)
1902 con àncora: 115 (R4) – coniata con l’oro proveniente dall’Eritrea
1903: 1.800 (R2)
1905: 8.715 (R) – esistono dei falsi
1908: 4 conosciute (R5)
Esistono anche dei falsi datati 1910.

Aratrice

marengo_VEIII_aratrice

Dritto: busto del re in uniforme volto a sinistra e contornato dalla legenda VITTORIO EMANUELE III. Ad ore otto lungo il bordo, nodo savoia in incuso all’interno di un rettangolo.
Rovescio: figura allegorica dell’Italia, raffigurata come un’aratrice recante un fascio di spighe nella mano sinistra e con la mano destra poggiata sopra il manico di un aratro. In alto la legenda REGNO D’ITALIA in carattere lapidario romano; l’indicazione del valore è sui due lati: a sinistra la parola LIRE e a destra la cifra 20. In esergo la data, circondata dal segno di zecca (R) a sinistra e da una stella a cinque punte a destra. Sotto la linea dell’esergo le indicazioni degli autori, a sinistra E • BONINSEGNA M • e a destra L • GIORGI • INC •.

Questo marengo fu inciso da Luigi Giorgi ed Egidio Boninsegna; fu emesso in seguito al Regio Decreto 258 del 5 maggio 1910.

Tirature e rarità
1910: 32.589 (R5) – vennero rifuse per problemi con il titolo dell’oro
1912: 59.970 (R) – esiste anche in oro rosso (R) – esistono dei falsi
1912 prova: tiratura sconosciuta (R4)
1926: 40 (R4) – emessa per i collezionisti, non ha valore legale
1927: 30 (R4) – emessa per i collezionisti, non ha valore legale

Fascetto

marengo_VEIII_fascetto

Dritto: busto del re in uniforme volto a sinistra e contornato dalla legenda VITTORIO EMANUELE III. l. Sotto il collo, la firma dell’incisore A. MOTTI.
Rovescio: fascio littorio con la scure verso destra, ornato da una testa di montone. A sinistra indicazione del valore (LIRE 20) su due righe; a destra la legenda OTTOBRE 1922 • 1923 su due righe. A sinistra della base del fascio, il segno di zecca (R).

Moneta commemorativa incisa da Attilio Silvio Motti e coniata in occasione del primo anniversario della marcia su Roma, insieme al 100 lire Fascio.
Pur possedendo valore legale, questa moneta non circolò mai: il valore dell’oro contenuto era ormai superiore a quello nominale, a causa dell’elevata inflazione registratasi in concomitanza con la prima guerra mondiale; la moneta fu coniata esclusivamente per i collezionisti, i quali poterono acquistarla al prezzo di 80 lire.

Tirature e rarità
1923: 20.000 (R) – esistono dei falsi
1923 prova: tiratura sconosciuta (R3)

Stampa

20 commenti (Aggiungi il tuo)

  1. giorgio
    ott 01, 2014 @ 21:09:20

    Buona sera , vorrei sapere indicativamente quanto possono valere 10 fiorini olandesi del 1897 , ( Regina Guglielmina)
    grazie

    Saluti

    Rispondi

    • Numismatica e storia
      ott 01, 2014 @ 23:42:02

      Prodotta in 453.696 esemplari, la sua moneta contiene 6,05 grammi d’oro e vale sui 200-220 euro. In conservazione davvero perfetta si può chiedere qualcosa in più.
      Saluti.

      Rispondi

  2. antonino
    set 24, 2014 @ 18:21:18

    Salve tra alcune monete ne ho trovato una che mi sembra particoalre, si tratta di una moneta d’oro di lire 20 del regno d’Italia di Vittorio Emanuele II anno 1873 o 1875, non è di M credo che porti una T non capisco se sia una R. La moneta è perfetta, quanto potrebbe valere?
    Sembra la prima di questa pagina con anno diverso.
    Grazie

    Rispondi

    • Numismatica e storia
      set 24, 2014 @ 19:08:50

      Se non è una M, per quegli anni può essere solo una R. Il 1873 è raro e vale, a seconda della conservazione, da 3.000 a 10.000 euro, mentre il 1875 vale dai 200 euro (valore dell’oro) a 500 euro.
      Cordiali saluti.

      Rispondi

  3. FRATI DIEGO
    set 22, 2014 @ 13:26:03

    ho una moneta da 100 lire del 1891 vorrei sapere cosa puo’ valere grazie

    Rispondi

  4. piero
    giu 08, 2014 @ 15:30:30

    ho moneta d’oro italiana 1912 con re e sul retro san giorgio quanto può valere?

    Rispondi

  5. Antonio Di Giulio
    mag 18, 2014 @ 20:50:28

    buonasera,
    grazie del chiarimento fornitomi e Le chiedo informazioni su queste ulteriori monete:
    1) G.120 ferdinandus II dei gratia rex 1856 e 1859
    2) L.5 vittorio emenuele II – regno d’italia 1874
    3) L. 1000 – roma capitale 1870.1970
    grazie e cordiali saluti
    Antonio Di Giulio

    Rispondi

    • Numismatica e storia
      mag 18, 2014 @ 22:40:31

      1) G.120 1856 e 1859: i valori da catalogo sono, per entrambe le monete: MB 20 euro, BB 40, SPL 130, FDC 300. Le segnalo che per il 1856 esistono due varianti rare: data con due otto sovrapposti e TVR anziché VTR.— Per il significato delle sigle può vedere qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Conservazione_%28numismatica%29

      2) L.5 1874: prodotta in 12 milioni di esemplari, è molto comune. In conservazione non ottimale vale meno di 11 euro, invece in alta conservazione può valere anche 150 euro.

      3) 1.000 lire 1970: 6 euro in conservazione non perfetta, in caso contrario 10-12 euro.

      Saluti.

      Rispondi

  6. Antonio Di Giulio
    mag 11, 2014 @ 16:57:06

    gentilissimo,
    possiedo le segeunti monete e vorrei conoscere il loro valore.
    1 ) 20 F – 1820 – louis XVIII roi de france
    2 ) 20 F – 1855 – napoleone III imperatore
    3 ) 20 F – 1878 – repubblica francese
    4 ) 20 F – 1855 – napoleone III imperatore
    5 ) 20 F – 1859 – napoleone III imperatore
    in attesa, cordali saluti
    Antonio Di Giulio

    Rispondi

    • Numismatica e storia
      mag 11, 2014 @ 18:07:25

      1 ) 20 franchi 1820: il valore dipende dal segno di zecca (la lettera che si trova a destra della data). Se fosse A la moneta varrebbe 200 euro; qualche decina in più se Q o W. Se invece ci fosse una T, la moneta varrebbe ancora di più.
      2 ) 20 franchi 1855: 200 euro se A o BB, di più se D.
      3 ) 20 franchi 1878: 200 euro (esiste solo con il segno A).
      4 ) 20 franchi 1855: stesso discorso della moneta numero 2.
      5 ) 20 franchi 1859: 200 euro sia se A che BB.

      Significato delle lettere: A indica che la moneta è stata coniata nella zecca di Parigi, BB Strasburgo, D Lione, Q Perpignan, T Nantes, W Lilla.

      Cordiali saluti anche a lei.

      Rispondi

  7. Gianfranco
    mar 03, 2014 @ 20:57:18

    Ho un marengo VE II del 1872, l’anno della morte del re.
    Quanto potrebbe valere e come potrei realizzare ?

    Rispondi

  8. Paola Dal Bosco
    feb 22, 2014 @ 14:41:37

    Buongiorno,
    quanto pensa che potrebbe valere un marengo del 1873 coniato a Roma?

    Grazie mille!

    Paola

    Rispondi

  9. giovanni
    gen 24, 2014 @ 13:12:39

    salve, ho 20 lire del 1862 (marengo?) non é oro esistono falsi?
    hanno quotazioni?
    grazie

    Rispondi

  10. Alessandro
    gen 01, 2014 @ 22:24:29

    Salve, ho la moneta di Umberto 1 del 1882 vorrei cortesemente sapere quanto vale.
    Grazie

    Rispondi

Commenta o chiedi chiarimenti

*

Powered by WordPress | Theme by N.Design