Lituania, moneta per la Rivolta di Gennaio

La Rivolta di Gennaio fu un’insurrezione armata esplosa in Polonia, Lituania e Bielorussia contro l’Impero Russo; ebbe inizio il 22 gennaio 1863 e terminò nel 1865.
Tutto iniziò con una protesta spontanea da parte dei giovani polacchi che si opponevano alla leva obbligatoria all’interno dell’esercito russo; a loro si unirono subito diversi politici polacchi e alti ufficiali dell’esercito zarista. Ma gli insorti erano in numero molto inferiore ai russi ed erano anche privi del sostegno estero; quindi furono obbligati ad adottare tattiche di guerriglia, che però non ebbero successo. Tuttavia la rivolta riuscì a vanificare l’effetto dell’abolizione della schiavitù, concessa dallo zar per conquistare l’appoggio dei contadini, per emanciparli e metterli contro il resto della nazione polacca. Gli ultimi insorti furono catturati solo nel 1865; dopo la rivolta vennero effettuati diversi atti di repressione contro i polacchi (esecuzioni pubbliche o deportazioni in Siberia), che convinsero i polacchi ad abbandonare la battaglia armata e a concentrarsi invece sul miglioramento economico e culturale del loro paese.
Nel 2013, in occasione del 150° anniversario della rivolta, la Lituania emetterà una moneta commemorativa da 50 litas in argento 925. La moneta pesa 28,28 grammi ed ha un diametro di 38, 61 millimetri. Disegnata da Vidmantas Valentas, la moneta ha una tiratura di soli 3.000 pezzi.

lituania_2013_rivolta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.