Aosta, scoperto scheletro di 5.000 anni fa

A Introd, un paese alpino di poco più di 600 abitanti non lontano da Aosta, è stato scoperto lo scheletro di una donna vissuta 5.000 anni fa.
I resti di quella che è stata chiamata “la signora di Introd” si trovavano nella tomba all’interno della quale era stata sepolta. Lo scheletro, in perfette condizioni, era rannicchiato sul fianco destro e col capo rivolto a nord-ovest. La tomba era priva del corredo funebre.
Si tratta della testimonianza di una presenza umana contemporanea a quella dell’uomo del Similaun, ritrovato nel 1991 dall’altra parte delle Alpi, al confine tra l’Italia e il Tirolo austriaco.

Ora saranno i bambini della scuola del paese a scegliere il nome della donna. Il ritrovamento è avvenito proprio durante i sondaggi archeologici per l’ampliamento della scuola materna, su un’altura dove sorgono il castello, la chiesa parrocchiale e una cascina; propio a causa della presenza di questi edifici, l’area è di specifico interesse archeologico e quindi vincolata ai sensi del D.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, della legge regionale valdostana 11/1998 (Piano Territoriale Paesaggistico), nonché della legge regionale 56/1983; ciò ha reso necessaria l’esecuzione di sondaggi archeologici preventivi così come previsto per legge dalle suddette norme di tutela.

Lo scheletro è già stati trasferito in laboratorio, dove nei prossimi giorni saranno oggetto di analisi approfondite per determinarne età, abitudini e causa di morte. L’assessore regionale alla Cultura, Laurent Vierin ha dichiarato che “il ritrovamento è fondamentale, tanto che è nostra intenzione organizzare delle specifiche occasioni di valorizzazione e di divulgazione, con il coinvolgimento della comunità, per mettere a conoscenza della popolazione le nuove acquisizioni scientifiche e le relative informazioni storiche, al fine di rendere accessibile il nostro patrimonio culturale al maggior numero possibile di persone”.

Cliccate sulle immagini per ingrandirle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.