Francia, moneta per il tunnel della Manica

Il tunnel della Manica è lungo più di 50 chilometri e collega il comune inglese di Cheriton (nel Kent) a quello francese di Coquelles (vicino a Calais) passando sotto il fondo del Canale della Manica. La sua realizzazione fu completata nel 1994; è il tunnel con la parte sottomarina più lunga al mondo e, nella sua lunghezza complessiva, è secondo solo al tunnel Seikan in Giappone.
Molte volte nella storia recente fu proposta l’idea di realizzare un collegamento non marittimo tra la Gran Bretagna e l’Europa continentale; il primo a concepire un simile progetto fu Albert Matthieu-Favier, che lo propose nel 1802. Ma l’idea del tunnel rimane solo sulla carta fino alla fine della Seconda guerra mondiale, quando le migliorie tecniche ed ingegneristiche la riportano all’attenzione generale. Nel 1957 fu costituito un gruppo di studio e il progetto viene avviato nel 1973, ma si interrompe due anni dopo per problemi finanziari. I lavori ripresero solo nel 1987. Aperto al pubblico alla fine del 1994, il tunnel offre tre servizi principali di trasporto su rotaia: un treno-navetta per gli autoveicoli, il servizio passeggeri Eurostar tra Londra, Parigi e Bruxelles e il trasporto merci.

Ed è proprio ai treni che prestano sotto la Manica che la Francia nel 2013 ha dedicato una moneta da 10 euro in argento 900. La moneta pesa 22,2 grammi ed ha un diametro di 37 millimetri. Al dritto sono raffigurate due stazioni: la Gare du Nord (Parigi) e quella di Saint Pancras (Londra). Al rovescio, invece, vi sono le due tipologie di treno che collegano le due capitali: l’Eurostar e lo Shuttle. La tiratura è di 10.000 pezzi, tutti prodotti in versione fondo specchio (proof).Questa è l’ultima moneta della serie francese dedicata ai treni e alle stazioni ferroviarie, emessa fra il 2010 e il 2013.

Cliccate sull’immagine per ingrandirla

francia_2013_tunnel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.