La Svizzera e il rapporto Eizenstat

Il “Rapporto Eizenstat” fu pubblicato il 7 maggio 1997 da un gruppo di esperti coordinato da Stuard Eizenstat, sottosegretario al Commercio del governo degli Stati Uniti.
L’accusa contenuta nel rapporto statunitense sull’oro nazista è pesante: pur di fare affari con la Germania, la Svizzera contribuì a prolungare la Seconda Guerra mondiale.
Il rapporto sostiene che tra il 1939 e il 1945 la Germania trasferì alla Banca nazionale svizzera lingotti d’oro confiscati in vari Paesi europei, per un valore complessivo di 4 miliardi di dollari (valore stimato nel 1997).
Viene anche affermato che gioielli, monete, oggetti personali e perfino otturazioni dentarie rubati alle vittime dei nazisti furono fusi e trasformati in lingotti d’oro poi trasferiti in Svizzera.

Tra le tante risposte giunte dalla Svizzera, ci è sembrato particolarmente degno di nota l’intervento del consigliere nazionale svizzero dott. Christoph Blocher in occasione della manifestazione tenuta il 21 giugno 1997 nel Kursaal di Berna , dai Giovani dell’UDC Svizzera, dai Giovani dell’UDC del Cantone di Berna e dall’Associazione giovani per il futuro della Svizzera (AGFS).
Vi si possono leggere, tra le altre cose, delle interessanti considerazioni sull’oro alleato, sull’oro tedesco e sui presunti marenghi contenenti l’oro dei morti.

CLICCATE QUI PER LEGGERE IL DOCUMENTO

Sommario
I. Arroganza di un sottosegretario di Stato straniero
II. Un attacco alla nostra neutralità, un attacco al diritto internazionali
III. Riguardo al rimprovero di legalismo: potere contro diritto
IV. Eccellente economia di guerra e commercio estero
V. Riguardo all’oro alleato, all’oro tedesco e all’oro dei morti
VI. Riguardo al presunto prolungamento delle guerra e all’avidità di guagagno
VII. Il Trattato del Gottardo: diritti di transito tedeschi ed italiani del 1909
VIII.Conclusioni riguardo al rapporto Eizenstat
IX. Non ci vergognamo della nostra storia
X. Gli ambienti poco credibili della Svizzera
XI. Il popolo svizzero non si lascia ricattare

Fonte del pdf: http://www.blocher.ch/

Precedente La cartamoneta cinese descritta da Marco Polo Successivo Centesimo di dollaro venduto per 47.000 euro