Venezuela, Chavez nazionalizza l’oro

Il presidente venezuelano Hugo Chavez ha annunciato che intende nazionalizzare le attività del settore aurifero, da quella dell’estrazione a quella della lavorazione. Parlando oggi alla televisione di stato, Chavez ha detto che il Venezuela non può permettere che i minatori illegali continuino a sfruttare i ricchi giacimenti di oro e coltan, un minerale che contiene tantalio e viene utilizzato nei telefoni cellulari e nelle console per videogiochi. ”L’area è gestita dalla mafia”, ha detto. “Abbiamo intenzione di nazionalizzare l’oro; non possiamo continuare a permettere loro di portarlo via”.

Chavez ha anche annunciato inoltre che farà rientrare l’oro depositato all’estero in paesi come Gran Bretagna, Usa e Canada. Il Venezuela ha ricchi giacimenti ancora da sfruttare e il presidente intende utilizzarli per rimpinguare le riserve del paese, attualmente oltre 29 miliardi di dollari, il 63% delle quali già in oro. Infatti il Venezuela ha 365,8 tonnellate di riserve auree, che lo rendono il quindicesimo titolare del metallo prezioso al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.