Il Sudan del Sud emette le sue prime monete

Il Sudan del Sud è uno stato indipendente dal 9 luglio 2011. In seguito il paese è entrato a far parte delle Nazioni Unite e dell’Unione Africana; nel luglio del 2012 il Sudan del Sud ha firmato le convenzioni di Ginevra.
Dal dicembre del 2013 il paese è dilaniato da un conflitto etnico che vede contrapposte le forze governative del presidente Kiir (di etnia dinka) e quelle fedeli all’ex vicepresidente Machar (di etnia nuer).

La valuta del Sudan del Sud è la sterlina sudsudanese; le banconote (stampate in Germania) furono emesse già nel 2011, ma solo ora sono state prodotte le prime monete metalliche. Infatti il 9 luglio 2015 il paese ha emesso le seguenti monete denominate in piastre (centesimi) e sterline (o pound):

  • 10 piastre: è in acciaio placcato in rame e raffigura una torre di perforazione, simbolo delle risorse petrolifere del paese;
  • 20 piastre: è in acciaio placcato in bronzo e raffigura un becco a scarpa (Balaeniceps rex), uccello Pelecaniforme, unico rappresentante della famiglia Balaenicipitidae e del genere Balaeniceps;
  • 50 piastre: è in acciaio placcato in nickel e raffigura un rinoceronte bianco settentrionale (Ceratotherium simum cottoni), una delle due sottospecie di rinoceronte bianco;
  • 1 sterlina: è bimetallica (tondello in acciaio placcato in bronzo e anello esterno in acciaio placcato in nickel) e raffigura due giraffe nubiane (Giraffa camelopardalis camelopardalis), una sottospecie di giraffa che vive nel Sudan orientale e in parte dell’Etiopia occidentale;
  • 2 sterline: è bimetallica (tondello in acciaio placcato in nickel e anello esterno in acciaio placcato in bronzo) e raffigura un tipico scudo africano.

Cliccate sull’immagine per ingrandirla

sud_sudan_2015_ordinarie

Precedente Roma, scoperta una casa del VI secolo a.C. Successivo La Russia celebra Michelangelo Buonarroti