Moneta per gli 800 anni della Magna Charta

La Magna Charta Libertatum è un documento che il re d’Inghilterra Giovanni Senzaterra fu costretto a concedere ai baroni del Regno, suoi feudatari diretti, presso Runnymede il 15 giugno 1215.
La Magna Charta è stata interpretata a posteriori come il primo documento fondamentale per il riconoscimento universale dei diritti dei cittadini, sebbene essa vada inscritta nel quadro di una giurisprudenza feudale in cui, durante il XII e XIII secolo, la concessione di privilegi (libertates) da parte di sovrani a comunità o sudditi, offre altri esempi di natura analoga (Federico Barbarossa alla Lega Lombarda nel 1183, il re Andrea II d’Ungheria ai suoi vassalli nel 1222). In sostanza la Magna Charta confermò i privilegi del clero e dei feudatari, eliminando o diminuendo l’influenza del sovrano.
Questa carta fu chiamata “magna” per tenerla distinta da un provvedimento minore, una carta rilasciata proprio in quegli anni per regolamentare i diritti di caccia. Pur presentandosi quindi come un atto di concessione da parte del re costituiva un contratto di riconoscimento di diritti reciproci.

Nel 2015 la Gran Bretagna dedicherà all’800° anniversario della Magna Charta una moneta da 2 sterline. Disegnata da John Bergdahl, la moneta è bimetallica, pesa 12 grammi ed ha un diametro di 28,4 millimetri; la tiratura non è stata comunicata.

gb_2015_magna_charta

Precedente Nel 2016 cambierà il ritratto di Elisabetta Successivo 2 sterline 2015 per la Royal Navy