Una presunta persecuzione dei buddhisti

La dinastia Sunga salì al potere (nel nord-est dell’India, cliccate sulla mappa per ingrandirla) nel 185 a.C. e vi sarebbe rimasta fino al 73 a.C.; infatti, dopo aver deposto Brhadrata, ultimo re Maurya, il generale Pusyamitra Sunga ascese al trono.

Essendo un brahmino ortodosso, Sunga fu fortemente ostile ai buddhisti e ne osteggiò la fede; è ricordato nelle cronache per aver “distrutto monasteri e ucciso i monaci“: 84.000 stupa buddhisti furono distrutti, e sembra che mise addirittura una taglia di 100 monete d’oro sulla testa dei monaci buddhisti. Un gran numero di monasteri buddhisti (vihara), come quelli di Nālandā, Bodhgaya, Sarnath, o Mathura, caddero in rovina o furono riconvertiti in templi induisti.

Durante questo periodo, i monaci buddhisti abbandonarono gradualmente la valle del Gange, seguendo la via verso nord (uttarapatha), che li portò nell’India nordoccidentale, o quella verso sud (daksinapatha), che li portò sulle rive occidentali dell’oceano, come attestano i ritrovamenti artistici sulle due vie. L’arte buddhista infatti si estinse a Magadha, mentre fiorì nel nord-ovest, a Gandhara e Mathura, o nel sud-est, come a Amaravati, nell’Andhra Pradesh; l’attività artistica non è comunque cessata nell’India centrale, come a Bharhut, ma non è noto quale contributo abbia avuto da parte dei Sunga.
Ma c’è disaccordo tra gli storici su quanto di ciò che la tradizione buddhista attribuisca ai Sunga sia veritiero; se ci sono prove di un declino del Buddhismo e un progressivo abbandono dell’area da parte dei monaci, infatti, non vi sono riferimenti alla distruzione degli stupa o segno alcuno di persecuzione religiosa al di fuori della storiografia buddhista. Importanti commentatori e storici, come Etienne Lamotte e Romila Thapar, sostengono che la figura di Pusyamitra Sunga dovrebbe essere riabilitata, se non altro per mancanza di prove.

Qui sotto: una moneta da 1 karshapana, emessa dall’Impero Sunga tra il 143 e il 75 a.C. La moneta è in bronzo, le dimensioni sono in media di 13 millimetri per lato e il peso varia dai 7 ai 12 grammi. E’ stata coniata nella zecca di Vidisa (nella regione di Malwa).
Cliccate sulla foto per ingrandirla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.