Sibari, il sito archeologico è inondato

sibariSIBARI (COSENZA), 29 GEN – È uno scenario apocalittico quello che appare in ogni angolo del parco archeologico di Sibari (in foto), sommerso dal fango e dall’acqua del fiume Crati dopo l’esondazione causata dalla pioggia. E così sembra di essere tornati al 510 a.C., quando i crotoniani decisero di deviare il corso del fiume che distrusse completamente l’opulenta polis magnogreca di Sybaris. L’area, che ha subito danni ingentissimi, è stata invasa da 200 mila metri cubi di acqua.

Fonte: ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.