L’Annam visto da Marco Polo

Nel 1298, Marco Polo descriveva l’Annam (l’attuale Vietnam) con queste parole…

DELLA PROVINCIA DI CIAMBA

Sapiate che, quando l’uomo si parte dal porto di Zaiton e navica ver’ ponente e alcuna (cosa) ver’ garbino 1.500 miglia, sí si truova una contrada ch’à nome Cianba, ch’è molto ricca terra e grande. E ànno re per loro, e sono idoli, e fanno trebuto al Grande Kane ciascuno anno 20 leofanti – e no li danno altro – li piú belli che vi si può trovare, ché n’ànno assai.
E questo fece conquistare il Grande Kane negli anni Domini 1278; or vi dirò de l’afare del re e del regno. Sapiate che ‘n quel regno non si può maritare neuna bella donzella che no convegna (prima) che ‘l re la pruovi, e se li piace, sí la tiene, se no, sí la marita a qualche barone. E sí vi dico che negli anni Domini 1285, secondo ch’io Marco Polo vidi, quel re avea 326 figliuoli, tra maschi e femine, ché ben n’a(vea) 150 da arme.
In quel regno à molti elefanti, e legno aloe assai; e ànno molto del legno (ebano) onde si fanno li calamari.

Questa è una moneta dell’Annam emessa, tra il 1225 e il 1258, dal re Thai Tong della dinastia Tran. Al tempo del viaggio di Marco Polo (1271-88), questa moneta era ancora in circolazione.

Cliccate sull’immagine per ingrandirla

Potete leggere il “Milione”, in versione integrale, cliccando qui.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.