Il museo numismatico della Zecca italiana

Il museo numismatico della Zecca Italiana è sito in Via XX settembre 97 presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, nel rione Castro Pretorio a Roma.
Il museo trae origine da varie acquisizioni di varie collezioni da parte del Vaticano già sul finire del XVIII secolo, indi, nel 1822 venne costituito il gabinetto numismatico che si prefisse di conservare e restaurare monete antiche e di fare delle copie di medaglie pontificie. Nel 1870 la zecca del Vaticano fu assorbita dal ministero delle finanze. Vittorio Emanuele III incrementò la raccolta di monete mediante varie donazioni. Nel 1911 il museo fu posto presso la zecca dell’Esquilino in cui in una sala erano esposte le monete e le medaglie, in un’altra le cere di Pistrucci ed in un’altra ancora la collezione vaticana. Nel 1962 parte delle collezioni vennero portate negli alloggi dei ministero delle finanze a Via XX settembre. Attualmente è in costante accrescimento con l’acquisizione di nuove raccolte.
museo consta di circa 20.000 tra monete, medaglie e modelli in cera non solo italiani ma anche esteri suddivisi in:

  • medaglie pontificie (1913 pezzi) e medaglie religiose;
  • medaglie del novecento e oggetti di conio.

I modelli di Benedetto Pistrucci comprendono bozze di monete, medaglie e cammei acquistati nel 1912. I modelli di Giuseppe e Francesco Bianchi constano di 96 esemplari di cui 15 realizzati da Giuseppe, i restanti dal figlio Francesco.
Per visitare il museo bisogna compilare un modulo e consegnare un documento di identità alla portineria del ministero.

Sito ufficiale: http://www.museozecca.ipzs.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.