Due libri per la zecca di Pisa

Quasi in contemporanea, tra fine novembre e inizio dicembre, sono stati presentati due volumi dedicati alla zecca di Pisa. Il primo, dal titolo Pisa gloriosa. Le monete della zecca di Pisa, è opera della dott.ssa Franca Maria Vanni e, iniziando con l’età longobarda, affronta l’intera monetazione pisana fino alla caduta della città, nel 1509, sotto la dominazione fiorentina. Un capitolo a parte, inoltre, affronta la monetazione medicea coniata a Pisa per i commerci con il Levante. Basato sull’analisi di 14 collezioni pubbliche e 4 collezioni private, questo aggiornato corpus sulla monetazione pisana ha preso in esame una base di circa 5.000 esemplari.
Il volume della dott.ssa Monica Baldassarri, invece, frutto di anni di ricerche numismatiche, storiche e archivistiche, si intitola Zecca e monete del Comune di Pisa. Dalle origini alla Seconda Repubblica. Vol. 1 e rappresenta un’approfondita monografia nella quale, oltre al repertorio dei tipi, trovano spazio ampie sezioni sulle problematiche della circolazione monetaria e della produzione all’interno del contesto storico-economico della città toscana.
Entrambe le opere saranno presto recensite ne Lo Scaffale di Cronaca Numismatica; fin da ora, tuttavia, non si può che apprezzare questo “risveglio” degli studi sulla monetazione pisana, una tra le più complesse e affascinanti del panorama italiano.

Fonte: Cronaca Numismatica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.