Deutsche Bank: la Grecia adotti il Geuro

I dirigenti della Deutsche Bank hanno proposto l’introduzione di una moneta parallela all’euro in Grecia; la nuova valuta permetterebbe ad Atene di uscire dall’eurozona, ma rimanendovi formalmente all’interno. In questo modo, pur restando nell’unione monetaria, la Grecia non riceverebbe più alcun aiuto finanziario, né da Unione europea, né dal Fondo monetario internazionale, né dalla Banca centrale europea.

Thomas Mayer, capo-economista dell’istituto di Francoforte, ha battezzato la nuova ipotetica valuta con il nome di Geuro (che sta per Greek euro). Atene potrebbe usare questa nuova moneta per pagare in geuro anche le merci importate, necessarie alla sopravvivenza del Paese. Questo avverrebbe perché il geuro, emesso dalla Banca Centrale greca, sarebbe fortemente svalutato rispetto all’euro: inizialmente di almeno il 50%, poi questa percentuale potrebbe aumentare notevolmente. ”In questo modo l’euro non sarebbe sostituito in un colpo, ma completato con uno strumento finanziario che prenderebbe il carattere di una moneta”, ha spiegato Mayer, che vede l’introduzione del Geuro come ”un processo parziale e lento di eliminazione dell’euro, che sarebbe meno dannoso del’uscita di Atene dall’eurozona”.

Resta da vedere se la proposta verrà accettata dai cittadini greci che, con la svalutazione del denaro, pagherebbero il debito a carissimo prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.