Iraq, scoperta tomba del Piccolo Principe

Un gruppo di archeologi dell’Università La Sapienza, guidato dall’assiriologo Franco D’Agostino della facoltà di Studi Orientali, ha scoperto una tomba infantile di epoca sumera nel sito di Abu Tbeirah, vicino alla città irachena di Nasiriyya. Nella “tomba del Piccolo Principe” (così l’hanno chiamato i suoi scopritori) è stato rinvenuto un ricco corredo funerario, tra cui spiccano un vaso di bronzo a forma di nave, un pugnale in bronzo, strumenti per la toletta (forse un pulisci orecchie) e perle di cornalina di inestimabile valore.
Questa tomba è la più rilevante all’interno di una serie di sepolture rinvenute nel corso della campagna italiana in Iraq; tutte le sepolture corrispondono sia con le tipologie di tombe dello stesso periodo scoperte nel cosiddetto cimitero reale di Ur, sia con le tombe portate alla luce a Nippur, un’importante città che si trova duecento chilometri a nord di Abu Tbeirah.
Il sito di Abu Tbeirah si trova nel cuore della regione che fu la culla della civiltà sumerica nel III millennio a.C. L’epoca di frequentazione del sito abbraccia un arco temporale che comprende il periodo di passaggio dal proto-dinastico alla seguente epoca accadica. A questa conclusione i ricercatori sono giunti grazie al ritrovamento di almeno un centinaio di coppette in ceramica, elemento datante fondamentale, e di oggetti in bronzo rivelatori dell’ambiente storico e culturale dell’insediamento.

Cliccate sulle foto per ingrandirle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.