Usa, doblone Brasher venduto a 5,6 milioni

La casa d’aste Blanchard and Co. di New Orleans ha venduto una moneta d’oro all’esorbitante prezzo di 7,4 milioni di dollari, equivalenti a 5,6 milioni di euro.
La moneta in questione è un cosiddetto “doblone Brasher”, un pezzo in oro da 15 dollari coniato privatamente nel 1787 da Efraim Brasher, un orafo, argentiere e vicino di George Washington. Egli coniò privatamente le sue monete in rame e oro, dopo che lo stato di New York aveva respinto una sua petizione con cui chiedeva che lo stato emettesse monete in rame. I pezzi in oro vennero detti “dobloni” perché avevano all’incirca lo stesso peso del doblone aureo spagnolo, moneta molto diffusa nel continente americano. Infatti la moneta pesa 26,6 grammi ed ha un titolo di 917 ‰, ovvero 22 carati. Il doblone Brasher è considerata la prima moneta aurea degli Stati Uniti con valore nominale in dollari (la zecca di Philadelphia coniò la sua prima moneta d’oro solo negli anni ’90 del ‘700).
La moneta è stata acquistata da una compagnia di investimenti di Wall Street; il prezzo è stato molto alto rispetto ai realizzi precedenti di altri dobloni (mai superiori ai 3 milioni di dollari), perché questo è l’unico esemplare in cui la sigla EB (iniziali di Efraim Brasher) è sul petto dell’aquila. La conservazione della moneta è qFDC (AU-50).

Cliccate sulle foto per ingrandirle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.