Prescrizione anticipata per le vecchie lire

4 dicembre 2011 – La bozza di manovra elaborata dal governo Monti prevede, tra le altre misure, la prescrizione immediata di banconote, biglietti e monete in lire ancora in circolazione; viene così anticipato di circa tre mesi il termine originario del 28 febbraio 2012.
Le vecchie lire ancora non convertite ammontano ad 1,3 miliardi di euro e si prescrivono a favore dell’Erario per essere riassegnate al Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato (un conto del Ministero del Tesoro presso la Banca d’Italia, il cui scopo è quello di ridurre, tramite rimborso o riacquisto, lo stock dei titoli di Stato in circolazione).

Art. 26
Prescrizione anticipata delle lire in circolazione

1. In deroga alle disposizioni di cui all’articolo 3, commi 1 ed 1 bis, della legge 7 aprile 1997, n. 96, e all’articolo 52-ter, commi 1 ed 1 bis, del decreto legislativo 24 giugno 1998, n. 213, le banconote, i biglietti e le monete in lire ancora in circolazione si prescrivono a favore dell’Erario con decorrenza immediata ed il relativo controvalore è versato all’entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnato al Fondo ammortamento dei titoli di Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.