Il primo volo dei fratelli Wright

Il 17 dicembre 1903, a Kitty Hawk (North Carolina), i fratelli Orville e Wilbur Wright realizzarono il primo volo controllato su un mezzo motorizzato più pesante dell’aria.
Quel giorno i due fratelli, dopo aver riparato i danni causati dai precedenti tentativi e approfittando di una giornata di vento forte, riuscirono a far volare il loro Flyer per ben quattro volte. Nel primo volo l’aereo, pilotato da Orville, percorse 36 metri in 12 secondi, mentre il più lungo fu l’ultimo: il Flyer, stavolta comandato da Wilbur, riuscì a restare in aria per 59 secondi percorrendo 260 metri.

Quest’ultimo volo venne così descritto da Orville:

Wilbur decollò per il quarto e ultimo volo verso le ore 12. Le prime centinaia di piedi furono tutte un su e giù, come nei voli precedenti, ma dopo aver coperto trecento piedi [circa 90 metri] la macchina tornò sotto controllo. I successivi quattro o cinquecento piedi vennero percorsi con solo qualche piccola oscillazione. Tuttavia, coperti circa ottocento piedi, la macchina cominciò a beccheggiare di nuovo e, picchiando improvvisamente, colpì il suolo. La distanza coperta in volo fu misurata in 852 piedi [260 metri]; il tempo di volo era stato di 59 secondi. La struttura dell’equilibratore era gravemente danneggiata, ma la parte principale del velivolo non aveva subito alcun danno. Stimammo che avrebbe potuto essere rimesso in condizione di volare in un giorno o due.

Invece il Flyer non fu riparato, e non volò mai più. Una raffica di vento lo danneggiò ulteriormente mentre era a terra, dopo il quarto volo, e quindi l’aereo venne smontato, riposto in alcune casse e riportato a Dayton; dopo lunghe peripezie, che lo portarono anche a venire esposto al Museo della scienza di Londra, assunse nel 1948 la sua collocazione definitiva presso la Smithsonian Institution di Washington.
Nei due anni successivi (1904-1905) i due fratelli costruirono dei modelli più avanzati, denominati Flyer II e Flyer III.

Il 17 dicembre 2003, nel 100° anniversario del primo volo, si svolse una cerimonia presso il Wright Brothers National Memorial di Kill Devil Hills (North Carolina), alla presenza di John Travolta e con gli interventi del presidente George W. Bush, degli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldrin, e del generale Chuck Yeager.
Nella stessa occasione, gli Stati Uniti hanno dedicato al primo volo del Flyer una coppia di monete:

  • la moneta da mezzo dollaro è in cupronickel (prima foto), pesa 11,34 grammi ed ha un diametro di 30,6 millimetri; al dritto raffigura il primo volo del Flyer, al rovescio il monumento dedicato ai fratelli Wright che si trova al Wright Brothers National Memorial (Kill Devil Hills, North Carolina);
  • la moneta da 1 dollaro (seconda foto) è in argento 900, pesa 26,73 grammi ed ha un diametro di 38,1 millimetri; al dritto raffigura il Flyer, al rovescio i busti dei fratelli Wright volti a sinistra.

Ma già due anni prima, nel 2001, gli Stati Uniti avevano raffigurato il primo volo del Flyer sul quarto di dollaro dedicato allo stato del North Carolina (terza foto) e destinato alla circolazione; la moneta è in rame placcato cupronickel, pesa 5,67 grammi ed ha un diametro di 24,3 millimetri. Disegnata da John Mercanti, è stata coniata in più di un miliardo di pezzi (1.055.476.000).

    Cliccate sulle immagini per ingrandirle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.