L’Aquila, restaurate quattro pergamene

pergameneIl laboratorio di restauro San Giorgio di Roma ha completato il restauro di quattro pergamene medievali appartenenti all’archivio arcidiocesano dell’Aquila. I restauratori, guidati da Adriano Pandimiglio, hanno così posto rimedio alle precarie condizioni in cui versavano i quattro documenti.
La prima pergamena è una donazione pro anima datata 1222, la seconda è una lettera graziosa (ovvero con cui veniva concessa una grazia o un favore) che papa Alessandro IV scrisse nel 1256 per traslare la sede vescovile da Forcona (Civita di Bagno) a L’Aquila. La terza pergamena è una lettera graziosa con cui nel 1294 papa Celestino V esentò il lebbrosario di Sant’Antonio di Vallis Interia (Preturo) dalla giurisdizione episcopale e da quella laica. L’ultimo documento è una falso datato 956 e attribuito alla cancelleria dell’imperatore Ottone I, ma sicuramente realizzato nei secoli successivi.

Immagine di repertorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.