L’emigrazione ticinese in California

Per un buon libro sulla corsa all’oro cliccate qui

L’emigrazione ticinese oltremare ebbe come destinazioni l’Australia, la California e l’Argentina e iniziò a metà ‘800. L’inizio del flusso migratorio verso la California iniziò quando giunse la notizia della scoperta dell’oro (1849) e aumentò nel 1853 quando il generale Radetzky, governatore del Regno lombardo-veneto, ordinò l’espulsione dei ticinesi e la chiusura della frontiera.
Da quel momento furono diverse migliaia i ticinesi del Sopraceneri che partirono per cercare fortuna in California. L’insediamento dei ticinesi cominciò dal nord della California (regione di San Francisco) per poi estendersi fino alle regioni più aride della frontiera messicana. Molti emigranti rientrarono in Svizzera dopo pochi anni, ma altri rimasero definitivamente negli Stati Uniti perché avevano saputo trarre profitto dalla favorevole situazione economica californiana. La loro attività principale era l’allevamento di bovini; spesso il primo lavoro degli emigrati era quello di cowboy, poi con i risparmi accumulati acquistavano un ranch e diventavano dei piccoli imprenditori. Un altro settore in cui i ticinesi erano particolarmente attivi era la viticoltura. La promozione della produzione e vendita del vino degli emigranti svizzeri e italiani fu affidata all’Associazione Svizzero-Italiana di agricoltura. Questa società, che aveva la sua sede a San Francisco, fu in seguito chiamata Italian Swiss Colony, anche se poi divenne una società interamente italiana. Inoltre nel 1896 fu fondata la Banca Svizzera Americana con sede a Locarno e agenzie a San Francisco e San Luis Obispo.
Gli emigranti da un lato rimasero legati alla loro patria svizzera, mantenendo regolari scambi epistolari con i parenti rimasti in Ticino, ma dall’altro si adattarono piuttosto rapidamente allo stile di vita americano.

Cliccando qui è possibile leggere un saggio di Giorgio Cheda dal titolo “Aspetti dell’emigrazione ticinese in California”. L’opera è stata digitalizzata dall’Archivio federale svizzero.

Precedente Austria, 5 euro "il paese dell'acqua" Successivo Malta, 2 euro commemorativo 2014 per l'indipendenza

4 commenti su “L’emigrazione ticinese in California

  1. Ciao mi chiedevo se potete darmi una mano a rispondere a queste domande:

    Quando è avvenuta la migrazione ?
    Chi è emigrato ? perché ?
    Da quali parti del nostro cantone ?
    Dove emigravano i ticinesi ?
    Con che mezzi di trasporto emigravano ?
    Che mestieri facevano qui e che mestieri facevano all estero ?
    Hanno fatto tutti fortuna quelli che sono partiti ?
    Qualche esempio di chi ha fatto fortuna ?

    Sarei molto grato se mi date una mano. Speriamo in una risposta

    • Provo ad aiutarla:
      – Quando è avvenuta la migrazione ? Nel 1849, dopo la scoperta dell’oro in California
      – Chi è emigrato ? perché ? Prevalentemente contadini, per migliorare la loro condizione economica
      – Da quali parti del nostro cantone ? Dalla regione del Sopraceneri, in particolare dalla Valle Maggia e dalla Leventina
      – Dove emigravano i ticinesi ? In California
      – Con che mezzi di trasporto emigravano ? In treno fino all’oceano Atlantico, poi in nave
      – Che mestieri facevano qui e che mestieri facevano all’estero ? Cowboy, allevatori e contadini
      – Hanno fatto tutti fortuna quelli che sono partiti ? No
      – Qualche esempio di chi ha fatto fortuna ? Non saprei

      Spero di essere stato utile,
      saluti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.