Un papiro copto nomina la moglie di Gesù

Il 18 settembre 2012, durante il Convegno Internazionale di Studi Copti tenutosi a Roma, la studiosa Karen Leigh King ha presentato un frammento di papiro in copto risalente al IV secolo che conterrebbe una frase mai riscontrata nelle Sacre Scritture: Gesù disse loro: “Mia moglie”. E poi ancora: Lei sarà in grado di essere mia discepola […] Quanto a me, dimoro con lei allo scopo di […]. Il frammento è grande 8 x 4 centimetri e contiene otto righe di scrittura in inchiostro nero leggibili solo con la lente di ingrandimento; sarebbe la traduzione in lingua copta di un testo greco della seconda metà del II secolo.
Il papiro è stato presentato da Karen Leigh King, una storica della cristianità antica alla Harvard Divinity School, nonché la prima donna a occupare la cattedra più antica degli Stati Uniti. La studiosa ha affermato: “Questa scoperta conferma antiche tradizioni secondo cui Gesù era stato sposato. Ce n’era una già nel II secolo, legata al dibattito se i cristiani dovessero sposarsi e avere rapporti sessuali”. La King ha però sottolineato che il frammento non è la prova che il Gesù storico fosse effettivamente sposato; infatti il testo sarebbe stato scritto molto tempo dopo la vita di Gesù e tutta la letteratura cristiana precedente non aveva nemmeno accennato alla questione. C’è anche da dire che la provenienza del papiro resta un mistero; infatti il suo proprietario avrebbe chiesto di rimanere anonimo.
In ogni caso alcuni studiosi – considerate le fibre, l’inchiostro, la lingua e il contesto culturale – propendono per l’autenticità del papiro, mentre altri non mettono in dubbio l’autenticità bensì l’attendibilità; è il caso di Wolf Peter Fung, che ha affermato: “Ci sono migliaia di frammenti di papiro dove si possono trovare scritte cose folli. Ma se non se ne conosce la provenienza non servono assolutamente a niente”. Altri studiosi, infine, sostengono che l’espressione “mia moglie” potrebbe avere un significato simbolico.

Cliccate sull’immagine per ingrandirla

Potrebbe interessarti anche...
Precedente Gabon, un'oncia d'argento per l'elefante Successivo Germania, moneta per il 150° anniversario della Croce Rossa

Lascia un commento