Ostia Antica: scoperta nave romana

La parte superiore della fiancata destra di un’imbarcazione lignea della prima età imperiale è affiorata negli scavi di Ostia Antica durante il rifacimento del Ponte della Scafa che collega Ostia a Fiumicino. Questa mattina sul luogo degli scavi è arrivato a sorpresa il ministro dei beni culturali Giancarlo Galan che ha commentato: “un ritrovamento da brivido” e un “grande risultato dell’archeologia preventiva se si pensa a quante cose come questa sono andate disperse”. Un’operazione “complessa e importante”, ha aggiunto “che ci dice molte cose sulla linea di costa e su quello che succedeva circa duemila anni fa”. Infatti questa scoperta è importante soprattutto perché, afferma il direttore scientifico dei lavori Paola Germoni, rivela con maggior esattezza che la linea di costa all’epoca dei romani era arretrata di 3-4 chilometri rispetto a quella attuale.
“La scoperta è avvenuta durante i lavori di archeologia preventiva utile per le opere pubbliche che ci consente di far convivere le esigenze di valorizzazione e tutela dei reperti con le necessità dei cittadini”, ha affermato Paola Germoni, presentando la scoperta alla stampa. “Non abbiamo ancora trovato la poppa e la prua nè sappiamo dire che tipo fosse, ma si tratta di una nave più lunga di 11 metri, databile della prima età imperiale, per l’assenza di elementi di congiunzione tra le singole parti”, ha spiegato Anna Maria Moretti, soprintendente archeologico di Roma e Ostia Antica. “La scoperta -ha aggiunto- è una novità in quanto è affiorata un’imbarcazione anziché una struttura come solitamente avviene in questa zona”. La nave era sepolta da quattro metri di argilla, la quale ha sigillato lo scafo e ne ha preservato il legno, mentre l’umidità lo ha irrorato per secoli mantenendolo elastico. Data la delicatezza estrema del legno, il restauro si presenta delicatissimo; la nave è costantemente ricoperta d’acqua perché il legno non si secchi e il relitto va trattato con una metodologia sofisticata. Sono stati trovati anche resti di cordame.


Cliccate sulle foto per ingrandirle

Potrebbe interessarti anche...