L’emilitra leggera di Gerone II

Il tiranno di Siracusa Gerone II, negli anni successivi alla seconda guerra punica (nel 217 a.C. circa), operò una riforma monetaria -con vari aggiustamenti nel corso degli anni successivi- che di fatto rivalutava le emissioni bronzee e permetteva di adeguare ed equiparare i nominali siracusani a quelli romani e tolemaici.

La professoressa De Sensi Sestito, una storica specialista della politica economica e finanziaria di Gerone II, ha sostenuto che l’emissione bronzea di 19 millimetri di diametro (testa Poseidone/tridente) è una emilitra.
Vi sono due grandi emissioni ben distinte: l’emilitra pesante il cui peso va da 7 a 10 grammi (emessa nel periodo 269-215 a.C.) e l’emilitra leggera emessa negli anni della seconda guerra punica (217-215 a.C.), con peso oscillante da 4,80 a 7 grammi, che corrispondeva ad una oncia romana di piede quadrantale. Per questo motivo, si riscontrano moltissime once romane riconiate su quest’ultimi bronzi siracusani.

Qui sotto: un’emilitra leggera siracusana, coniata tra il 217 e il 215 a.C.

Cliccate sull’immagine per ingrandirla
Foto tratta dal sito wildwinds.com


Precedente Interessanti documenti su Napoleone Successivo San Benedetto raccomanda Montecassino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.